Oggi è il 13/12/2018             
 
Home page
Francesco Scerbo
Chi Siamo / Contatti
Statuto / Diventa Socio

I nostri Progetti

News Eventi Attività
Donazioni
Cosa è il bullismo
Il nostro diario
Fotografie
Scrivici
 
 
 
 
I NOSTRI PROGETTI :
Conoscili e adottali se vuoi....
<< TORNA ALLA LISTA DEI PORGETTI
Dettaglio Progetto
Periodo : 2008 - da settembre 2008 a giugno 2009
Bullismo come reato? Fermiamoci a pensare ...

 

"Bullismo come reato? Fermiamoci a pensare..."

   

PROGETTO PILOTA DI PEER-EDUCATION PER LA PREVENZIONE DEL BULLISMO

è stato rivolto a tutte le scuole frequentate da Francesco.

Come prima attività dell'Associazione l'inizio del progetto è stato preceduto da un'analisi del contesto in cui volevamo intervenire e soprattutto da uno studio del disagio giovanile manifestato in episodi di BULLISMO. 

 

Le città di Anzio e Nettuno, entrambe in provincia di Roma, sono collocate nel litorale romano sud, a confine con la provincia di Latina. Si tratta di un’area densamente popolata che, d’estate, triplica la popolazione con una vasta presenza di turisti. Questo  non ne fa una zona prettamente di provincia, ma anzi la rende attiva e vivace, pronta anche ad assorbire e a riproporre situazioni sociali e comportamentali tipiche di una metropoli, considerando anche che la conurbazione fra le due città che non hanno soluzione di continuità fra loro. Non si può dire che il territorio sia caratterizzato totalmente da situazioni di rischio o di disagio sociale, ma alcuni segnali di disagio giovanile, fatti di cronaca nera che hanno come protagonisti dei giovani, episodi di violenza spicciola, la diffusione di droghe leggere nelle fasce giovanili o situazioni di “bullismo” che si sono verificate anche nelle scuole locali, consigliano una grande attenzione alla prevenzione del disagio e dei comportamenti a rischio. 

 

Il BULLISMO è indicatore di una grave e profonda emergenza giovanile in evoluzione e aprire un dialogo sull'argomento, che spesso viene taciuto, può aiutare a dare il coraggio di denunciare ciò che può portare a conseguenze tragiche, perchè di bullismo si può morire e Francesco ne è la prova.

 

 SECONDO CIRCOLO DI ANZIO

SCUOLA PRIMARIA DI VILLA CLAUDIA 

DESTINATARI DEL PROGETTO: il progetto è stato rivolto agli alunni delle classi quinte della scuola primaria del secondo Circolo di Anzio: 5 plesso di Villa Claudia; 5 A e B di Falasche; 5 A di Sacida e 5 Acqua del Turco.

FINALITÀ: promulgare la sensibilità sul tema del bullismo.

Il bambino con una salda autostima ed un caldo ambiente familiare non avrà difficoltà a chiedere aiuto; creare, perciò, attorno ad ogni alunno i presupposti giusti perché provi fiducia verso se stesso e verso gli adulti che lo circondano. Se avrà la forza di parlare sarà possibile intervenire coinvolgendo le famiglie dei piccoli bulli, parlando di ciò che succede, favorendo soluzioni concrete ed individuando modi per aiutare i bambini a comunicare tra loro senza violenza.                                                                                                                                                          

attività con gli alunni:

  • visione del film, “Basta guardare il cielo” di Peter Chelson, USA 1998; “Game over”, Italia, anno 2005, cortometraggio regia Valerio Finesi.
  • lettura di brani, articoli di giornale e racconti su esperienza vissute da pari.
  • discussione in classe;
  • definizione di bullismo e distinzione da generici atti di prepotenza. I dati emersi sono stati successivamente discussi negli incontri di team previsti;
  • lettura ad alta voce di un libro relativo al bullismo;
  • creazione di cartelloni ed altro materiale illustrativo che documenti il percorso svolto;
  • elaborazione di un testo con la tipologia dell'articolo di giornale dal titolo “Bullismo come reato? Fermiamoci a pensare...”. Gli elaborati saranno raccolti ed utilizzati dall'Associazione per la futura realizzazione di un libro con lo scopo di sensibilizzazione e lotta al bullismo.

MANIFESTAZIONE FINALE:

Al termine del percorso nelle classi è stata organizzata una manifestazione finale presso i locali della scuola elementare di Villa Claudia, con tutti gli alunni e le insegnanti che sono stati coinvolti nel progetto. Durante la cerimonia sono stati consegnati tutti gli elaborati delle classi quinte a Renata (mamma di Francesco), molti sono stati i pensieri dei bambini in memoria di Francesco espressi in canzoni, poesie e balli in un'atmosfera di festa e gioia.

         

Durante la manifestazione finale l'Associazione ha donato alla scuola euro 800, la somma è stata destinata all'acquisto di libri per allestire una piccola biblioteca per gli studenti; la scuola a sua volta ha fatto un dono inaspettato, quello di intestare l'aula computer con una targa alla memoria di Francesco. 

 

CONOSCI IL BULLISMO . . . 

attraverso gli occhi degli STUDENTI della scuola di "VILLA CLAUDIA"

      

 


                           

ISTITUTO TECNOLOGICO INDUSTRIALE "L. TRAFELLI" DI NETTUNO

SCUOLA SECONDARIA 1° GRADO "VIRGILIO" DI ANZIO

 

DESTINATARI DEL PROGETTO: il progetto è stato rivolto agli studenti delle classi quinte dell'Istituto "L. Trafelli" di Nettuno e agli studenti delle classi terze della Scuola media "Virgilio" di Anzio. 

FINALITÀ: 

  • formazione di circa 80 studenti che si porranno come peer educator anti bullismo nei confronti della propria classe e degli studenti che frequentano la loro scuola. Tale formazione dovrebbe avere ricadute positive anche nei gruppi giovanili esterni alla scuola frequentati dai peer educator (comitive di adolescenti, gruppi sportivi, attività extrascolastiche disparate).
  • acquisizione da parte dei docenti e del personale Ata di maggiore consapevolezza sulle problematiche del bullismo.
  • informazione alle famiglie degli studenti sull’argomento. 
MANIFESTAZIONI FINALI: il progetto ha avuto due manifestazioni pubbliche di divulgazione.
La prima presso l' Aula Magna dell' Istituto “L. Trafelli” in cui il progetto è stato presentato alle famiglie degli studenti partecipanti, alle scuole in rete del Distretto scolastico Anzio-Nettuno (scuole medie e scuole elementari), ai Comuni di Anzio e Nettuno, alla Provincia di Roma, alla Regione Lazio, ai parlamentari di zona, alle autorità locali e alla stampa.
La seconda presso l'Aula Verde della Scuola media "Virgilio" in cui sono stati divulgati i risultati raggiunti, è stato organizzato un incontro nella forma di convegno rivolto a tutti coloro che sono stati invitati a partecipare alla presentazione del progetto (vedi sopra). L'Associazione ha destinato e consegnato due borse di studio del valore di euro 800, donate ai due migliori studenti delle scuole coinvolte che si sono distinti per miglior voto in condotta abbinato al miglior profitto scolastico.

 

CONOSCI IL BULLISMO . . .

attraverso gli occhi degli STUDENTI dell'I.T.I.S. "L. TRAFELLI" di Nettuno.

 

            

 


RASSEGNA STAMPA :

   aprile  2009  -  rubrica IL LITORALE.  16 maggio 2009 - IL MESSAGGERO.

     31 maggio 2009 - IL LITORALE.   22 maggio 2009 - IL GRANCHIO.

   maggio 2009 - rubrica IL LITORALE.

Costo progetto : 2.400,00€     Donati : 0,00 €
ELENCO DONAZIONI
Data Donatore importo donato
 
 
 
 
 
SITO
IL RIFUGIO DI FRANCESCO


contattaci
info@ilrifugiodifrancesco.it